Estratto di Equiseto sulle piante: come e perchè usarlo

Estratto di Equiseto sulle piante

Possiamo usare un Estratto di Equiseto per difendere le piante del nostro giardino in modo naturale. Si tratta infatti di un prodotto ottenuto dalla pianta dell’Equiseto, nota come Equisetum arvense o Coda cavallina.

L’Equiseto è caratterizzato da una struttura unica e ricca di Silicio e perciò viene utilizzato in agricoltura biologica.

L’Estratto di Equiseto è una “sostanza di base” riconosciuta dalla Comunità Europea per la comprovata efficacia in agricoltura.

Estratto di Equiseto sulle piante: i vantaggi

Il Silicio ha la capacità di assorbire l’umidità superficiale, rendendo quindi difficile l’insediamento di spore fungine sulle piante. È particolarmente utile in ambienti in cui le malattie fungine sono comuni, come nelle serre o nelle coltivazioni all’aperto in zone umide.

Applicando regolarmente estratto di equiseto sulle piante, è possibile creare un ambiente meno favorevole per la crescita dei funghi patogeni.

Oltre a prevenire le malattie fungine, il Silicio è anche un elemento essenziale per la crescita delle piante. L’uso regolare di Estratto di Equiseto può contribuire quindi a rafforzare la struttura cellulare e i tessuti delle piante, aumentando la loro resistenza meccanica e rendendole più resistenti alle condizioni ambientali avverse. Inoltre l’Equiseto è ricco di altri minerali: non a caso viene usato anche in erboristeria. Usato come fertilizzante apporta anche Potassio, Calcio e Magnesio.

Naturalmente ciò porta a un miglioramento della qualità del suolo. L’apporto di minerali attraverso l’Estratto di Equiseto contribuire infatti a migliorare in modo naturale la struttura del terreno nel corso del tempo. Un vantaggio in particolare in presenza di terreni poveri di Silicio.

Come si usa

Possiamo acquistare l’Estratto di Equiseto pronto all’uso oppure concentrato e quindi da diluire in acqua.

Possiamo usare l’Estratto di Equiseto come fertilizzante e a titolo preventivo. In questo caso nebulizziamo la soluzione su tutto il fogliame, anche la parte inferiore delle foglie. Poiché le spore prosperano in ambienti umidi, i trattamenti preventivi vanno effettuati nelle stagioni maggiormente piovose, come la primavera e l’autunno. O in seguito a una precipitazione particolarmente abbondante.

Il trattamento preventivo va ripetuto ogni circa 15 giorni. In previsione di temporali è meglio rimandare: la pioggia dilava il Silice e dovremo ripetere l’intervento.

In presenza di malattie fungine possiamo invece spruzzare l’Estratto di Equiseto direttamente sulle spore e sulle parti della pianta interessate: ne arresterà la crescita ed eviteremo il diffondersi dalla malattia.

È un prodotto naturale e non prevede tempi di carenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *