Dermanyssus gallinae: gli Acari Pollini pericolosi per i pollai

Dermanyssus gallinae

Il Dermanyssus gallinae, detto Acaro Pollino o Acaro rosso dei polli, è uno dei parassiti più pericolosi per i pollai. Agiscono soltanto di notte e pungono i polli per nutrirsi del loro sangue: con l’arrivo dell’alba tornano a nascondersi nel legno dei pollai o nei nidi.

Come tutti gli Acari si tratta di un aracnide, cioè un ragno piccolissimo e quasi invisibile a occhio nudo. Da adulto misura meno di 1 mm: ha un colore grigio chiaro, ma diventa rosso dopo esserci cibato del sangue delle galline.

Ha un ciclo di vita composto da cinque stadi di sviluppo: uovo, larva, protoninfa, deutoninfa e adulto. Il tutto avviene in circa 7 giorni e questa velocità di sviluppo rende temibile questo parassita, perché in poche settimane si possono sviluppare infestazioni massicce.

Dermanyssus gallinae: come riconoscere i sintomi degli Acari Pollini

Il sintomo più evidente è il continuo prurito manifestato dalle galline. A questo si associa un generale stato di anemia causato dai “prelievi” di sangue degli Acari. I pollini risultano deboli, con creste pallide e diminuiscono la produzione delle uova e la loro qualità.

La presenza di Acari Pollini può causare conseguenze secondarie. Possono infatti essere vettori di virus e batteri, concorrendo al rischio di malattie infettive nei pollai.

Come prevenire e risolvere il problema degli Acari Pollini

L’unica soluzione preventiva è la corretta e periodica pulizia del pollaio. Quando rimuoviamo e sostituiamo la lettiera, disinfettiamo tutte le superfici prestando attenzione in particolare alle fessure e alle crepe in cui gli Acari potrebbero nascondersi. Quando scegliamo i materiali per costruire il pollaio, preferiamo i materiali lisci e non porosi: è utile per ridurre i luoghi in cui possano nascondersi gli Acari e rendere più facili le pulizie.

Oltre alla pulizia, manteniamo una buona areazione e un basso livello di umidità: tutte condizioni che scoraggiano la diffusione di Acari.

Periodicamente ispezioniamo bene il pollaio, i nidi e gli animali alla ricerca di tracce di questi parassiti. Isolare e trattare gli esemplari ai primi segnali è necessario per evitare la veloce diffusione a tutti polli. Anche i nuovi esemplari vanno trattati e isolati prima di essere inseriti nel pollaio.

Negli allevamenti professionali che sfruttano metodi biologici vengono utilizzati degli antagonisti naturali della Dermanyssus gallinae, come l’Androlaelaps casalis. Si tratta di un Acaro che non può pungere né umani né animali poiché ha un apparato boccale concepito per predare gli altri Acari. Non è però semplice gestire queste soluzioni in un pollaio domestico.

I trattamenti con acaricidi

Gli acaricidi sono utili per ridurre rapidamente la popolazione di Acari Pollini. Possono essere applicati direttamente nelle aree frequentate dagli Acari o sui polli.

Tra gli acaricidi naturali e più innovativi è particolarmente utile la Terra di Diatomee: una farina ottenuta da fossili di alghe microscopiche, famose per le proprietà insetticide naturali e la struttura abrasiva. Agisce con un effetto fisico/meccanico sugli insetti attraverso una duplice azione: abrasiva e bruciante. I parassiti, cosparsi durante il trattamento o entrati in contatto con la Terra di Diatomee mentre si spostano, subiscono prima un’azione abrasiva, poiché le particelle di Terra di Diatomee sono abrasive e microscopicamente affilate. In seguito agisce sul grasso presente nella cuticola del parassita assorbendolo e causando la disidratazione dell’insetto che muore dopo poche ore. Trattandosi di una reazione fisico/meccanica, non si presenta il fenomeno dell’assuefazione tipico degli acaricidi di sintesi convenzionali.

È utile in particolare contro gli Acari Pollini ma agisce anche contro tutti gli insetti striscianti, come Formiche, Pulci, Pidocchi e Scarafaggi.

È una soluzione a base di sostanze naturali e priva di sostanze chimiche: è quindi sicuro per l’ambiente e può essere usare in presenza di altri animali. È utile sia negli ambienti domestici sia nei pollai o nelle industrie di trasformazione, come per esempio panifici e mulini.

Nel caso dell’Acaro Pollino possiamo usare la Terra di Diatomee sia sugli animali sia sparsa sui pavimenti, nei nidi, nelle posate e nelle crepe del pollaio, dove gli Acari e altri insetti tendono a nascondersi. Può essere miscelato con la lettiera dei polli per prevenire l’insediamento dei parassiti. Questa modalità d’uso è particolarmente efficace per un controllo preventivo.

Il dosaggio varia dalla dimensione del pollaio: seguiamo sempre i dosaggi e le indicazioni d’uso riportate sulle etichette.

Per la prevenzione è sufficiente un trattamento al mese. In caso di infestazione ripetiamolo ogni 7/10 giorni fino alla risoluzione del problema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *