Come coltivare un Odontoglossum: una Orchidea spettacolare!

coltivare un Odontoglossum

Se vogliamo una Orchidea fuori dal comune vi suggeriamo di coltivare un Odontoglossum. È disponibile in diverse varietà, tutte contraddistinte da fiori grandi, profumati, colorati e con forme bizzarre. Ogni ramo produce decine di fiori che rimangono sulla pianta per molte settimane.

Gli Odontoglossum fanno parte della famiglia delle Orchidaceae e sono originarie delle foreste dell’America centrale e meridionale. In commercio si trovano decine di varietà e ibridi con fiori di colore e forma differenti

Dove coltivare un Odontoglossum

La temperatura ideale di coltivazione è compresa tra i 15°C e i 24°C: le nostre case, con temperature costanti sui 20°C, sono l’habitat ideale.

Scegliamo una posizione molto luminosa ma non esponiamo la pianta ai raggi solari diretti, specialmente nei mesi più caldi. Inoltre gli Odontoglossum, come un po’ tutte le Orchidee indoor, vanno tenuti lontani dalle fonti di calore e dai repentini cambi di temperatura causati da spifferi di aria fredda. Evitiamo quindi stufe e caloriferi e le finestre che apriamo spesso in inverno.

Consigli per la coltivazione

Sono piante epifite e vanno coltivate in un terriccio specifico per Orchidee, composto da pezzi di torba e corteccia. Se necessario inseriamo dei tutori nel vaso per sorreggere i rami. Il terriccio va sostituito ogni 2 anni, poiché la corteccia tende a deteriorarsi e possono apparire muffe bianche.

Le irrigazioni devono essere periodiche e abbondanti ma dobbiamo evitare di lasciare acqua stagnante nel sottovaso. Provoca facilmente malattie fungine. La soluzione più pratica è l’irrigazione per immersione: una volta alla settimana immergiamo il vaso della pianta in una bacinella con acqua a temperatura ambiente e senza calcare. Lasciamola immersa per circa 15/30 minuti e poi facciamo scolare tutta l’acqua in eccesso prima di riporla sul sottovaso. Per stimolare la fioritura aggiungiamo all’acqua una dose di biostimolante naturale ogni 15 giorni.

In natura gli Odontoglossum sono abituati a un tasso di umidità ambientale abbastanza alto e superiore al 60%. Quando l’aria è più secca nebulizziamo frequentemente le foglie con acqua a temperatura ambiente, possibilmente senza calcare. È suggerito in particolare in estate, nelle giornate più afose e secche, e in inverno quando sono in funzione i riscaldamenti. Non bagniamo i fiori per non danneggiarli.

Per altri consigli sulle malattie e fisiopatie delle Orchidee ti suggeriamo di leggere questo articolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *